Image default
Ispirazioni

Prendersi cura è un atto d’amore e gratitudine

Le cose che amiamo richiedono cure. Prendersi cura di qualcosa o di qualcuno è una forma meravigliosa di amore. L’idea di essere talmente presenti nella nostra vita da focalizzarci su ogni singolo momento con la dedizione che l’amore richiede mi emoziona. Mi chiedo spesso se mi sto prendendo cura delle persone e delle cose che ruotano nella mia vita.

Qualche anno fa, al rientro delle vacanze, ho avuto qualche giorno di tranquillità in cui mi sono dedicata al decluttering di oggetti ma anche di emozioni. È stato un vero toccasana perché mi ha permesso di partire con il piede giusto e di alimentare la carica e l’entusiasmo nei miei progetti.

Tutto è nato perché dopo una lunga vacanza, ho trovato in terrazzo alcune piante rigogliose e altre più sofferenti. Quindi mi sono presa del tempo per dedicare cura alle mie piante. Le ho pulite e ho dato loro una nuova forma. Ho anche comprato una piantina nuova. Ho raccolto gli aromi per farne uso in cucina.
Mentre facevo questo lavoro ho sentito che stavo vivendo un momento d’amore. Ho cominciato a riflettere sugli ambiti della mia vita, su come stessi gestendo la casa, le mie relazioni e i miei progetti. È stato un bel viaggio dentro me stessa che mi ha permesso di comprendere come a volte lasciassi da parte la cura perché troppo presa dagli impegni.

Abbiamo vite talmente ricche che a volte sfugge il tempo e ci ritroviamo a non guardare le nostre piante per settimane per poi scoprire delle foglie secche o dei rami selvaggi. È allora che dovremmo fermarci a pensare che cosi come una pianta senza cura da segnali di mancanza con una foglia secca, allo stesso modo le nostre relazioni, gli oggetti della casa, le nostre emozioni e i nostri progetti se non ricevono cura non possono crescere rigogliosi.

Prendersi cura è un atto d’amore straordinario.

È dedizione pura. È rispetto. Prendersi cura è vivere con consapevolezza.

Oggetti, piante, relazioni, progetti chiedono la nostra cura. Lo fanno in ogni momento. Se siamo concentrati sul presente allora possiamo riconoscere questa richiesta. Se viviamo con una mente affollata, invece, rischiamo di perderci questi segnali. E cosi ci ritroviamo a un certo punto con troppi rami secchi da tagliare.
Lasciare andare è un atto di grande rispetto per la nostra vita. Ma lo è altrettanto, e forse di più, prendersi cura di quello che resta. E sapete una cosa? Non occorre tanto tempo per questo atto d’amore e di gratitudine potente.

Guardare ogni sera le nostre piante, preparare una cena per la famiglia prendendosi cura anche dei dettagli, donare un sorriso ai nostri compagni di vita quando rientrano dal lavoro, fare un gesto di gentilezza verso un collega, ritagliarci uno spazio tutto per noi con un rituale del mattino, scrivere un buongiorno inaspettato a un amico. Questi sono atti d’amore. Questo è prendersi cura.

Questa sera, a cena, mettete una rosa al centro del tavolo. È un semplice gesto che vi farà percepire una grande differenza.