Image default
Giornalismo Costruttivo

Gregory Kloehn: case in materiale riciclato per i senzatetto

homeless

Vi propongo un cocktail fantastico: materiale riciclato, amore per gli altri, gentilezza e creatività. Il risultato? Un progetto straordinario che vede protagonista l’artista californiano Gregory Kloehn. Lui vive a Oakland e ogni giorno si aggira per la città alla ricerca di materiali di scarto come vetro, plastica o legno. Cosa ne fa? Case per ospitare i senzatetto.

Fino a oggi Gregory ha costruito dieci rifugi. Ognuno di loro è realizzato impiegando oggetti trovati per strada, pallet, porte, pezzi di frigorifero, vernici. Questi materiali si uniscono al suo genio creativo e danno vita a case semplici ma nate con amore che accolgono chi una casa non ce l’ha.

Gregory crede tanto in questo progetto. Ogni casa per lui ha anche un minimo costo che varia da 30 a 50 dollari. Quello che occorre per comprare viti, chiodi e colla e il gas per necessario per guidarae attorno alla città alla ricerca dei materiali.

Il suo progetto ha appassionato altre persone che oggi collaborano con lui. Hanno addirittura creato una squadra con il nome di Homeless Home. Sono tutti impegnati alla ricerca di quel che occorre per realizzare queste case. Una storia meravigliosa questa, che fa riflettere sul concetto di gentilezza e amore per gli altri.

Volete aiutarlo? Vi basterà andare sul suo sito. Gregory, infatti, ha avviato una raccolta fondi per sostenere il progetto e farlo diventare ancora più importante.

A proposito di case realizzate con materiali riciclati, leggete anche la storia di Micheal Buck.

Lascia un commento