Image default
Giornalismo Costruttivo

Basta cattive notizie. I giornali escano dalla zona di comfort!

E’ tempo che il giornalismo esca dalla sua zona di comfort. Lo dico per il suo bene. Perché le persone hanno già cambiato punto di vista. Io e mio marito, da ormai due anni, abbiamo scelto di non guardare più il telegionale della sera. Quando ho iniziato questo progetto e il mio cambiamento ho deciso che tutte quelle notizie durante l’ora della cena erano quanto di peggiore ci potesse essere per me. Per noi. Per nostra figlia. E non siamo gli unici ad aver fatto questa scelta.

E cosi: stop ai Tg. Sono una giornalista e so bene che si è sempre pensato che l’informazione sensazionale sia dettata dalle cattive notizie, dalle tragedie, dalla cronaca più terribile che ci fa dire “io non sto poi cosi male”. Dopo anni di questa professione ho scelto di dare vita a questo blog di giornalismo costruttivo proprio perché ritengo che i messaggi da passare siano altri. Dovrebbero essere messaggi di speranza e di motivazione. I Tg dovrebbero prima di tutto raccontare storie di chi ce la fa “nonostante tutto”. Non di chi viene soffocato dalla crisi e dalle difficoltà.

E se poi diamo uno sguardo alla politica c’è da chiedersi “ma voi da che parte state?”. Sembra che l’unica cosa che conta sia distruggere le persone che arrivano a ricoprire una posizione. E badate bene, non mi riferisco a nessun partito in particolare o credo politico. Il mio è un discorso che va oltre. “Noi riportiamo semplicemente quello che accade e viene detto. Bisognerebbe dire ai politici di cambiare” potrebbe obiettare qualcuno. “I politici fanno cosi perché sanno di attirare l’attenzione. E voi, cari colleghi, lo sapete bene” rispondo io. E in ogni caso, da qualche parte bisogna pur cominciare.

Osservo la mia professione e mi chiedo: perché deve funzionare cosi?

“La gente vuole questo” mi rispondono colleghi che si occupano di cronaca, politica e attualità. Non è cosi, in realtà. Non lo è più. Io noto che tante persone cominciano a stancarsi di guardare il Tg della sera. Ascolto persone che mi dicono “leggo il tuo blog perché non ne posso più di notizie negative. Mi dai speranza”. Vedo giornali dirottare verso un’informazione più leggera, serena, positiva e motivazionale. Succede, raramente ma succede ed è la cosa che conta.

Le persone, in realtà, chiedono a gran voce un giornalismo costruttivo.

Qualcosa sta accadendo in questi anni. Ma dovrebbe succedere di più. Dovrebbe accadere che le prime cinque notizie di un Tg siano belle e che la prima pagina di un quotidiano sia la storia di chi riesce e può mandare un messaggio sano a tutti i lettori. Poi tutto il resto. Perché è ovvio che la realtà va raccontata. L’attenzione, a mio avviso, dovrebbe essere su quello che si “urla”. Il karma di un Paese si misura li.

E cambierà sempre di più. Perché ogni persona che decide di buttare un seme in questo marasma contribuisce a fare qualcosa.

Come affermava Gandhi

 

Questo dovrebbe essere il nostro impegno quotidiano. Perché sapere che c’è chi sceglie di togliersi la vita per le difficoltà ci può far dire “vedi, io sto meglio” ma anche “ok, lo faccio anche io”.

Ci avranno mai pensato i direttori dei giornali e dei TG della sera?

2 comments

Donato 3 Ottobre 2014 at 6:39 PM

Sono completamente in accordo con tutto ciò! Basta con le cattive notizie in prima pagina e all’ora di pranzo.

Reply
assunta 6 Ottobre 2014 at 8:41 AM

Grazie Donato!

Reply

Lascia un commento