alice-ciminiDire che Twoorty è un social network è alquanto limitativo. Si tratta infatti di una knowmunity basata sugli interessi comuni degli utenti. Niente di più semplice: sei interessato a un argomento? Sulla tua bacheca leggerai news e commenti relativi proprio a quel tema. Non vorrei dilungarmi molto sugli aspetti tecnici ma mi piacerebbe raccontarvi la storia di Alice Cimini – co-founder della start up tutta made in Italy – con Carlo Crudele.

Tutto risale ormai a più di un mese fa. Il mio blog aveva qualche mese di vita e cominciava a darmi le prime soddisfazioni in fatto di riscontro con i lettori. Tra questi proprio Alice che decide di scrivermi una bellissima mail per raccontarmi la sua storia.

Alice mi racconta di aver lasciato l’Abruzzo per arrivare a Milano e cercare di collocarsi professionalmente dopo l’Università conclusa brillantemente, un master in comunicazione e un po’ di esperienza nel mondo della pubblicità. Proprio quest’ultima le da le soddisfazioni maggiori: diventa il braccio destro del capo. Ma dopo 10 anni subentra la voglia di cambiare e Alice “vola verso il mondo del cinema” come mi scrive. Si occupa di product placement in un ufficio bellissimo in San Babila, pieno centro di Milano. Sembra quasi una favola ma purtroppo questa volge al termine prima del previsto. Il 28 luglio – ad Alice non l’ho detto ma è il giorno del mio compleanno! – i due soci della società informano i dipendenti che non hanno più il lavoro. Un colpo duro che si aggrava ancora di più perché, mi racconta Alice, “i dipendenti non sono mai stati pagati per i mesi di lavoro”. Vi lascio immaginare cosa significhi restare senza lavoro in questo particolare periodo storico.

Alice, che un paio di settimane fa ho incontrato personalmente, è una ragazza “tosta”. Tenere alto il morale, però, non è per niente facile. “La brillante giovane donna mette da parte la sua energia e lascia spazio allo sconforto… anche una città come Milano diventa povera di occasioni in tempi come questi” scrive Alice nella sua mail. Però Alice sente che deve andare avanti. Mi scrive una cosa molto vera di cui tutti dovremmo fare tesoro: “Come ogni essere umano, anche lei è programmata per andare avanti e allora sai cosa fa?” . Fa di un intuito un progetto importante. L’intuito le viene grazie a un negozietto sui navigli che le risolve un problema con la lavatrice. E’ allora che Alice pensa a “una piattaforma in cui le persone entrino in contatto con altre che condividono i loro stessi interessi, quindi che parlino la loro lingua, così che possano condividere conoscenza ed esperienze attraverso contenuti interessanti”. L’idea, eccola li. Alice mette insieme un team di pazzi – come dice lei – composto da sviluppatori, programmatori e comunicazione. Trova un ufficio dove poter lavorare insieme e si butta a capofitto nel progetto che di li a pochi mesi prenderà la forma di Twoorty.

Il lavoro è tanto, il progetto deve crescere e imparare a camminare con le proprie gambe. Forse per quest’ultima cosa ci vorrà ancora del tempo. In ogni caso Alice ce l’ha fatta. Si è scrollata di dosso lo sconforto, si è rimboccata le maniche con tutte le difficoltà del caso, ha dato vita a un progetto suo in cui crede e per il quale è disposta a ore di lavoro improbabili.

Volevo raccontarvi questa storia perché sia uno stimolo nei momenti di difficoltà. Quel 28 luglio, Alice non avrebbe mai pensato di ricevere un giorno una recensione de Il Sole 24 Ore con tanto di definizione del suo progetto “la via italiana al social network”. Queste sono le soddisfazioni della vita.

Per concludere, vi riporto le ultime parole di quella famosa mail di Alice: “quando la tristezza sembra avere la meglio occorre guardarla in faccia e dirsi che forse un’alternativa c’è, un’altra possibilità. E allora si deve prendere il coraggio a due mani e ci si deve lanciare. Come ho fatto io. E alla sera, quando torno a casa stanca morta, non riesco a togliermi il sorriso sul volto … that’s good news”.

Eccola, Alice con Twoorty il suo piccolo grande gioiello. Io sono iscritta e lo trovo un social network intelligente, utile, moderno, accattivante e soprattutto discreto. Niente post non voluti. Vi consiglio davvero di entrare nella knowmunity: scoprirete molte cose interessanti e conoscerete persone con i vostri stessi gusti e interessi. Bastano pochi click per iscrivervi gratuitamente. Le successive ore le passerete a scoprire un nuovo modo di socializzare nel web.