• assunta@assuntacorbo.com

Archivio dei tag guest post

Sogni che diventano realtà: “Organizzavo una vacanza in America, sono finita su Forbes”

Esistono i sogni che diventano realtà? La risposta a questa domanda l’ho sempre saputa: SI! Succede. E da quando ho dato il via a questo blog crescono ogni giorno le storie che mi dimostrano la possibilità di realizzare un sogno nel cassetto. Con determinazione, lavoro, atteggiamento positivo e passione. Queste non devono mai mancare. Solo cosi può succedere che organizzando una vacanza per gli Stati Uniti si decida di mettere in piedi un social network dedicato agli animali e si finisca su Forbes, una delle riviste più ambite del mondo. E’ successo a una mia cara amica di cui avete già letto su questo blog: Alice Cimini. E’ successo a lei perchè ci ha creduto e ha lavorato per farlo accadere. Il resto, arriva. Se ci credi e ci lavori, il resto arriva sempre. Dico grazie ad Alice per la sua storia, per questo guest post, per aver dato forma a un sogno e per aver voluto festeggiare su questo #divanovirtuale il primo anno di vita di Petme.it

buoni propositi

Buoni propositi: già archiviati o ancora nella vostra mente?

Come va con i vostri buoni propositi? Avete già archiviato il caso oppure siete ancora armati delle più buone intenzioni? Se con l’arrivo di febbraio avete già dimenticato i buoni propositi di inizio anno allora questo post fa per voi. Katya Giannini, mental & subconscious coach che avete già letto da queste parti, ci ha donato alcune riflessioni molto interessanti su questo argomento. Chissà che non venga voglia di riprendere quella lista abbandonata.

#capitaleUmano lessissexy

#CapitaleUmano: un viaggio da sogno o un sogno di viaggio?

Il #CapitaleUmano? Cosa è se non un meraviglioso modo di prendere la vita? Persone, storie, esperienze. Tutto è questo è ciò che viene custodito nell’e-book gratuito che Gloria Vanni ha fortemente voluto. Gloria l’ho incrociata nella nostra passata vita di giornaliste di turismo. Poi l’ho ritrovata in rete quando entrambe stavamo lanciando i nostri gioielli: Less Is Sexy lei e That’s Good News io.

Lucia Suriano

Donne e gravidanza: si può ridere in travaglio? Di Lucia Suriano

Lucia Suriano è una donna straordinaria. Ho avuto la fortuna di incontrarla durante il Congresso Italiano di Yoga della Risata e ho avuto modo di apprezzare le cose meravigliose che fa. E’ una professoressa ma lo è in modo speciale. Perché lei, in classe, non la sentirete mai dire “smettila di ridere!”. Anzi, lei porta proprio la risata tra i banchi dei suoi alunni. E’ speciale per questo ma anche perché è madre di tre bambine. L’ultima arrivata, Adriana, è la protagonista insieme a Lucia di questa bella storia che ha voluto donarci. Io sono felice di ospitarla perché, lo so, nessuno di noi donne avrebbe mai potuto immaginare di ridere durante il travaglio. Eppure, è incredibilmente benefico.

Personal branding

Personal branding: ecco come diventare una marca. Di Gloria Zaffanella

Stiamo per partire con una nuova attività oppure abbiamo deciso di rinnovare il nostro lavoro? Sicuramente la passione e l’impegno che ci mettiamo ci daranno molte soddisfazioni, dato che siamo noi il “motore” di noi stessi. Se, però, vogliamo dare un aiuto ulteriore alla nostra svolta professionale, dobbiamo occuparci anche del personal branding.

Non posso più perdere tempo a fare le cose che non ho voglia di fare. Di Stefano Gianuario

E’ tornato a trovarmi. Stefano questa volta fa un’incursione sulla scena de “La Grande Bellezza” di Sorrentino per darci uno spunto di riflessione di quelli che ti restano in testa tutto il giorno. Quante volte ci troviamo a fare cose che non vorremmo fare per nulla al mondo? E’ tempo di smettere questa pratica per noi deleteria. Meglio scegliere, come Jep Gambardella, di impiegare il nostro tempo in quel che amiamo. Si, decisamente meglio.

Dedicato a Massimo Vignelli. E alla metropolitana di New York. Di Lino Vuotto

manhattan-metro

Qualche pensiero di Lino Vuotto dedicato agli italiani che amano New York a tal punto da regalare alla Big Apple delle vere e proprie icone. Come ha fatto Massimo Vignelli, italiano. Lui ha disegnato la metropolitana di New York. Qualche giorno fa la notizia della sua scomparsa. E per Lino si è aperto il cassetto dei ricordi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: