Stefano Minerva è il nuovo sindaco di Gallipoli. Puglia. Non sono solita intervistare politici in questo blog ma la scelta è nata da una caratteristica di Stefano che mi è apparsa incredibilmente innovativa e costruttiva. Lui ha 30 anni e un’idea molto chiara in mente “voglio ribaltare la vecchia politica anche dal punto di vista semantico”. Un progetto, il suo, che gli è valso il nome di sindaco del sorriso. “Dobbiamo partire da una rivoluzione gentile per poter cambiare anche le piccole cose” mi ha detto Stefano Minerva. Confesso che queste sue parole mi hanno emozionata.

L’idea di un sindaco che parte dal bello mi ha conquistata. Il mio credere in un giornalismo costruttivo e nel potere della gratitudine come due motori che ci aiutano a vedere il bello della realtà mi ha spinta a voler approfondire le scelte del neo sindaco Stefano Minerva.

“Non è più bello sapere che c’è chi lavora per il futuro e per la bellezza?” mi ha detto il giovane sindaco rispondendo nel giro di pochi minuti alla mia richiesta di intervista. Lui che, dopo essersi insediato, ha nominato i suoi assessori assegnando loro le deleghe alla Felicità (Politiche sociali ed Europee), al Futuro (Politiche Giovanili e Sport), alla Bellezza (Urbanistica), alle Periferie e alla Creatività (Commercio, Spettacolo e Turismo). Per lui ha tenuto la delega al Sorriso (Cultura).

Una rivoluzione semantica che è stata ben accolta dai concittadini del sindaco. “Dall’interno, si è maggiormente preoccupati circa le figure in sé piuttosto che il contorno, ovvero come un qualcosa viene “confezionato” – ha affermato – ma una volta recepita, anche i miei concittadini sono stati entusiasti. Hanno capito che il cambiamento non è solo per abbellire, ma che si propone come un nuovo modo di amministrare. Costruiamo un futuro, cerchiamo la felicità e vogliamo la bellezza. Sono fortemente convinto che il nostro assessore alle politiche giovanili, con i suoi 25 anni, sia la persona adatta a pensare al futuro dei suoi coetanei. Così come l’assessore all’urbanistica che dovrà essere impegnato nel mantenere la nostra Gallipoli, la città bella per eccellenza”.

La certezza di farcela nasce dalla predisposizione al sorriso e alla gentilezza che appartiene in modo autentico a Minerva. Mi ha raccontato, infatti, che durante la campagna elettorale in risposta agli attacchi subiti dagli avversari ha scelto di regalare loro dei fiori. “Mi piace sorridere, sono dell’idea che la migliore risposta alla vita è il sorriso. È ciò che da un senso alle nostre giornate”.

Persone cosi fanno bene all’Italia e fanno bene alla politica. Mi è venuto spontaneo chiedere al sindaco del sorriso cosa pensasse degli italiani, se a suo avviso fossero pronti a un approccio così positivo e differente. Ecco cosa mi ha risposto:

“L’Italia sì, reagisce bene alle cose belle. Siamo un popolo di sognatori e romantici e di romantici sognatori. Considerato il successo mediatico che Gallipoli ha ottenuto grazie a questo nuovo modo di rinominare le deleghe, posso dire che gli italiani sono stufi delle cattive notizie e che vogliono pensare alla… bellezza e alla felicità, appunto”.

Ringrazio Stefano con tutto il cuore per queste parole perché spero possano far svegliare chi fa informazione e alimentare sempre più un approccio costruttivo e positivo. Sicuramente il suo modo di fare politica farà la differenza. La felicità è fatta di scelte e questo nuovo sindaco ha scelto di fare qualcosa di diverso, di abbracciare un nuovo modo di intendere l’impegno sociale e politico. Non potrà che avere un riflesso positivo su tutta la comunità.

“Per alcuni la felicità è un’utopia, io dico che basta credere nel futuro, re-inventando il presente, con un occhio a quello che è stato il passato. E, soprattutto, chiederei a tutti di iniziare ad apprezzare quello che già si ha. Come disse qualcuno “ma guarda intorno a te, che doni ti hanno fatto, ti hanno inventato il mare” (citazione di “Meraviglioso” – Domenico Modugno) e noi, con il nostro mare, abbiamo già un ottimo motivo ogni giorno, per sorridere ed essere felici. Che cosa è la felicità per me? La famiglia e il mare, anche solo la loro presenza mi rende felice”
E così, con un grazie autentico e sincero, io e Stefano Minerva ci siamo salutati. Entrambi con una certezza: ogni nostra scelta può cambiare la realtà.

Grazie Stefano, ti auguro tanti sorrisi e un entusiasmante lavoro nella tua meravigliosa Gallipoli. Là dove c’è il mare.

E per voi…se volete seguire le attività del sindaco del sorriso non perdete di vista i suoi canali social Twitter e Facebook.