I biscotti Plasmon sono stati la mia passione. Ne ho mangiati tanti da piccola e poi ancora quando è arrivata mia sorella Stefania. Mia mamma li comprava per lei e io non sapevo resistere. Poi anche Stefania è diventata grande ma abbiamo continuato – da adolescenti – a mangiare i Plasmon. Fino a un’età interessante. Quando è nata Giulia ho ricominciato ad acquistarli e mangiarli con lei. Poi è stata sollevata la questione dell’olio di palma e tutto il mio amore per i Plasmon è crollato. A fatica, lo confesso. Sono a mio avviso i migliori biscotti di sempre.

Lo sono perché sono buoni ma lo sono soprattutto perché mi ricordano tanti momenti felici della mia infanzia, adolescenza e anche qualche fase adulta. Se chiudo gli occhi sento il sapore di un biscotto Plasmon pucciato nel tè. Irresistibile.

Ma c’è un altro motivo per cui per me restano i migliori biscotti di sempre. E’ legato all’olfatto. Quando mia sorella era molto piccola – oggi ha 35 anni – non era una gran mangiona. I miei genitori erano abbastanza disperati. Per stimolarla spesso le davano in mano un biscotto Plasmon. Era il biscotto dei bambini per eccellenza in quegli anni. Ma lei non ne voleva sapere. Preferiva giocare, saltare, fare le ruote e le verticali. Quindi questo biscotto tenuto in mano per ore si scioglieva fino a quando dovevamo toglierlo dalle sue mani sulle quali restava un meraviglioso profumo di biscotto. Lo sento ancora. E ricordo con piacere quando dicevo ai miei amici che mia sorella aveva le mani che profumavano di biscotto.

Quando le racconto questo aneddoto è felice anche lei, mai sorella.

Immagino quanti ricordi possiate avere anche voi sui biscotti Plasmon. Se è cosi vi do una grande notizia: i nostri biscotti preferiti non hanno più l’olio di palma. La nuova ricetta, infatti, prevede una miscela di olio di girasole e di olio d’oliva. Questo è un atto di grande attenzione da parte dell’azienda che ha lanciato l’ahashtag #tiabbiamoascoltato e che ha coinvolto all’assaggio dei nuovi biscotti alcune mamme blogger. L’approvazione del gusto è stata unanime come potete vedere anche dal video qui sotto.

Tutto questo mi rende felice, sapete? Perché posso tornare a mangiare i biscotti Plasmon e tornare con la memoria alle mani biscottose di mia sorella.

Buzzoole