Tre giorni. E’ la durata di questo esperimento straordinario: tre giorni di pop-up per un Museo della Felicità. Accade a Londra dal 16 al 19 gennaio. Una di quella occasioni in cui si possono ricevere ispirazioni che cambiano la vita. La tre giorni, infatti, sarà ricca di stimoli, incontri e momenti per riscoprire la propria gioia interiore.

Il Museo della Felicità (Museum of happiness) me lo immagino come un luogo in cui poter trovare risposta ad alcuni degli interrogativi più comuni per noi: esiste un segreto per essere felici?

Probabilmente, come ormai credo, non esiste un solo segreto. Esistono percorsi che ci conducono alla gioia e alla felicità. Ognuno di noi ha il proprio.

Io sono partita dalla consapevolezza e dalla gratitudine ma per qualcuno è cominciato tutto con l’attività fisica, per altri con la scelta di cambiare lavoro, per altri ancora con la risata quotidiana. Poco importa quale sia il punto di inizio, quel che conta è che l’obiettivo finale sia la felicità. Anzi la gioia interiore.

Ecco perché credo che questo Museo della Felicità, anche se dura solo 3 giorni, può essere un’ottima opportunità per capire quale possa essere il punto di partenza. Durante l’evento sono previsti varie attività per stimolare il concetto di felicità nelle persone e aiutare a cambiare punto di vista. Tra questi anche sedute di yoga della risata.

Dopo averlo visitato la felicità è garantita?

Certo che no. Quel che avviene è che si ricevono stimoli e ispriazioni, a noi il compito di fare il resto.

Purtroppo io non sono nei paraggi, ma se qualcuno di voi è a Londra faccia un salto e poi, magari, ci racconti nei commenti.

Vi lascio con il video di presentazione del Museo della Felicità di Londra.