childQueste sono notizie che scaldano il cuore: in Mississippi una bambina è guarita dall’Aids. E’ il primo caso al mondo e non potevo certo non parlarne. Quando ci sono queste notizie ricche di speranza e di energia positiva bisogna fare in modo che facciano il giro del web e del mondo reale. Insomma, parliamone e diffondiamo.

La piccola ha contratto il virus Hiv nel corso della gravidanza. Appena nata i medici, guidati dalla dott.ssa Hannah Gay, le hanno somministrato subito tre differenti farmaci antiretrovirali. L’equipe ha dato il via a una procedura diversa da quella solitamente impiegata che prevede la somministrazione di una limitata quantità di antiretrovirali per 4 o 6 settimane nel bambino nato da madre sieropositiva. Questo quanto stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

La strategia “violenta” dei medici del Mississippi si è rivelata vincente. La piccola oggi ha due anni e mezzo e risulta ancora negativa ai test dell’Hiv. Questo significa che se questa cura potrebbe salvare migliaia di bambini al mondo. Pensate solo a quante vite salvate in Africa dove il virus è diffuso a livelli incredibili.