facebook amiciPerché sei su Facebook? Qualcuno me lo ha chiesto e anche con insistenza. La mia risposta è sempre stata “ci lavoro”, “mi piace”, “tengo contatti e condivido con le persone che fanno parte della mia vita anche se a livelli diversi”, insomma…voglio esserci! Negli ultimi giorni ho scoperto uno dei motivi più belli per cui apprezzo “faccia libro”: ritrovare vecchi amici.

Avete presente quando a scuola non attendavate altro che la ricreazione per vedere il ragazzo o la ragazza che vi piaceva, spettegolare con l’amica, scambiarvi commenti da bar con gli amici, incontrare nuova gente? Ecco quegli anni li non tornano mica, sapete. Io durante le superiori mi sono divertita un sacco, all’Università ho vissuto esperienze che mi hanno formata, nel corso dell’intero itinerario di studio ho conosciuto persone che ricordo con grande piacere. Grandi amiche, conoscenti, fidanzatini, ragazzi per cui impazzivo che non mi vedevano nemmeno. Insomma… come tutti!

Con alcuni di loro sono rimasta in continuo contatto – inclusa la mia migliore amica con la quale il rapporto si è rafforzato sempre più negli anni – con altri però ci si è persi di vista. Fa parte del gioco anche questo. Se non fosse che Facebook ti presenta il conto – in questo caso ben accetto – e ti riporta alla memoria “persone che potresti conoscere”. E cosi scopri che siamo tutti cresciuti, che ognuno ha la sua vita, che siamo cambiati ma che quegli splendidi momenti sulle scale o nell’atrio della scuola sono ancora freschi nella nostra memoria.

Senza nulla togliere alle grandi amicizie che sono venute poi – e alcune di una solidità pazzesca in proporzione al tempo – quelle sono le amicizie dell’adolescenza. Con loro sono cresciuta, mi sono emozionata di quelle prime emozioni irripetibili, mi sono innamorata, sono rimasta delusa, mi sono divertita. Ho condiviso quando ancora dei social media non c’era nemmeno l’ombra.

Ecco, Facebook…grazie per questo!