Image default
Gratitudine

Give Back: restituire valore a beneficio della comunità

È nato tutto da una promessa fatta a se stessi: «tutto ciò che ci è stato donato lo doneremo a nostra volta». Marco e Alessandro Florio, due giovani imprenditori veronesi, hanno unito la determinazione al cuore, la certezza che la crisi fosse un’opportunità al desiderio di onorare il percorso fatto dal nonno. Idrowash, la loro azienda, è partita cosi: da una consapevole gratitudine.

L’edilizia è in crisi. Il mercato appare fermo. Una di quelle situazioni in cui hai due scelte: innovare o lasciare. Marco e Alessandro hanno scelto di innovare. Entrambi programmatori con il sogno di mettersi in proprio, ripartono da quel mercato che aveva visto protagonista il loro nonno. Tanto lavoro, budget limitato raccolto grazie ai propri risparmi e al sostegno dei familiari e il desiderio di trovare una soluzione che fosse di aiuto ad altri e che portasse vitalità a un mercato definito ormai stantio. Idrowash.it nasce cosi. «Mettendo a frutto le nostre conoscenze informatiche e le numerose ricerche abbiamo realizzato un’impresa di pulizia digitale grazie alla quale proponiamo un’idropulitrice che utilizza tecniche a basso impatto ambientale e prodotti privi di sostanze chimiche – mi spiega Alessandro – in questo modo rendiamo nuovi gli esterni degli edifici. Se costruire è diventato più difficile, allora prendiamoci cura di ciò che già esiste».

Grande idea. Innovazione. Successo. Questo il processo che ha portato Alessandro e Marco sui media nazionali. Piace l’idea della startup innovativa nell’edilizia, piace anche l’idea che siano due giovani imprenditori determinati e soprattutto non spaventati dal lavoro.

«Abbiamo lavorato davvero tanto ma ci siamo resi conto di aver anche ricevuto tantissimo. Il nostro sogno era poter restituire. Ma a chi? E come?». Give Back, dicono gli americani. Se percepisci di ricevere molto, dona ciò che hai ricevuto affinché altri possano beneficiarne. Un concetto straordinario che nasce in seno alla gratitudine e che di questa è amplificazione.

«Ci sono persone che passano spesso inosservate. Sono persone che vivono e, soprattutto, lavorano nell’ombra ma che sono fondamentali nella vita di tutti noi – mi racconta Alessandro – si tratta di chi si occupa delle pulizie. Non solo chi lo fa come professione ma anche la casalinga che lo. fa per la propria famiglia, chi opera volontariamente dedicandosi agli spazi comuni, chi si occupa degli animali o chi ogni giorno opera nella pulizia informatica. Gli eroi del pulito siamo tutti noi: a chi non è mai capitato di doversi occupare delle pulizie? E quante volte ci dimentichiamo quello che altri fanno per noi?». Eccoli qui: gli eroi del pulito. La risposta alla domanda “Restituire a chi?”.  Un’area del sito dell’azienda e i social media sono stati la risposta al “come?”.

E cosi nasce un progetto che racconta le storie di chi, ogni giorno, si dedica alle pulizie. «Eroi del pulito è un progetto sociale ed editoriale e ci aiuta a dare voce a chi lavora in silenzio. Ci permette di restituire la visibilità che noi abbiamo ricevuto a chi non ne ha».

Un percorso di condivisione potente che genera energia positiva e che dona esperienze inaspettate. «Raccogliendo le storie degli eroi del pulito abbiamo scoperto che esiste tanta passione anche in questo lavoro. Ci sono persone che si innamorano di questa professione o che vivono con grande impegno le pulizie quotidiane. Lanciando questo progetto ci siamo resi conto che ci si lamenta del settore ma nessuno ha mai voluto dare importanza alle persone che vi lavorano e alla sua utilità. Leggendo le storie e i messaggi di chi ci scrive ci siamo accorti di dare dignità a una professione. Questo ci rende felici».

La prossima volta che incontrerete una persona che fa le pulizie e la guarderete con gratitudine allora ricordate di ringraziare Alessandro e Marco.

E se sbufferete riassettando la casa, forse è tempo di dare valore alla cura del proprio ambiente familiare e di leggere qualche storia di Eroi del Pulito. In attesa che diventi un libro: prossimo step del sogno di Alessandro e Marco.

Lascia un commento