Image default
Interviste

Gaia Elisa Rossi, 15 anni. “Amo la magia perché mi connette alle persone”

Ho terminato la chiacchierata al telefono con Gaia Elisa Rossi e mi sono resa conto di provare uno stato di gratitudine profondo. Quello che intendo io, quello di pancia e di cuore. Quello stato che senti che ti sta facendo bene. Gaia Elisa è una splendida ragazza di 15 anni che ogni giorno lavora al suo sogno. Lei è la più giovane campionessa italiana di magia. Ma, per quanto mi riguarda, è soprattutto una campionessa di consapevolezza e saggezza. Si, a soli 15 anni.

“Alle scuole elementari i miei genitori mi proponevano di studiare danza o teatro e io ho risposto “no, voglio seguire la magia”. E cosi è stato”. Gaia Elisa Rossi è cresciuta in una famiglia di artisti: mamma attrice di teatro e papà ballerino. Di quando era piccola ricorda i momenti in cui, nel salotto di casa, mamma e papà preparavano gli spettacoli utilizzando nella scenografia una scatola di giochi di prestigio. Per lei un vero colpo di fulmine. Che poi è diventato una passione e una scelta di vita.

“Ho cominciato a frequentare il Circolo Amici della Magia di Torino sin da piccola – mi racconta Gaia al telefono – ascoltavo le conferenze, mi relazionavo con gli adulti e restavo incantata. Poi sono entrata nel Club Magico Italiano dove vengono scelti i maghi italiani che partecipano ai concorsi internazionali. Nel 20015 ho partecipato al Campionato Italiano di Magia di Parma e poi sono arrivati i Galà di Italia, Francia e Spagna”.

Gaia mi ha donato tante ispirazioni durante la nostra telefonata. La prima, certamente, è che non esiste età che possa limitare i sogni. Lei che sin da piccola ha imparato a relazionarsi con gli adulti pur di crescere con la sua passione e che, oggi adolescente, sceglie l’allenamento e la disciplina rinunciando a qualche uscita con gli amici e alle attività che normalmente impegnano le giornate degli adolescenti. “Da piccola la magia era un limite perché avevo sempre relazioni con gli adulti. Oggi i miei compagni del liceo, invece, mi supportano e mi comprendono”.

La disciplina è certamente la chiave per realizzare ogni sogno. Gaia lo sa bene perché si allena molte ore e lo fa sempre con il sorriso. “Ho avuto la fortuna di avere dei genitori che mi hanno guidata e poi io ci ho messo l’impegno e lo studio. Durante il percorso ho anche incontrato il mio mentore Shezan, Alex De Bastiani che mi segue e mi supporta. Credo che la chiave sia chiedersi “cosa voglio?” e quindi andare in quella direzione. Ogni cosa, poi, va al suo posto”.

L’ispirazione, per Gaia, arriva dalla realtà: una vetrina di un negozio, un momento di vita, un’illuminazione. “Quando ho l’ispirazione la condivido con i miei genitori e la porto nel salotto di casa dove iniziamo a elaborarla insieme per renderla realizzabile. Poi mi rivolgo al mio mentore Shezan e quindi al Circolo degli Amici della Magia dove ho il confronto con gli altri maghi. Attraverso i nostri laboratori condividiamo e ci aiutiamo a sistemare i dettagli. Perché sai, sono quelli che fanno la differenza in un numero di magia ma in ogni ambito della vita”.

Ha le idee chiare Gaia. Sa dove vuole andare ma sa anche che per arrivarci deve stare ancorata al presente. E ditemi voi se non è straordinario per una ragazza di 15 anni. Io sono una cacciatrice di sogni. Tutti noi dovremmo esserlo: dobbiamo trovare i nostri sogni e poi seguirli. Ogni giorno dovremmo cercare di fare qualcosa che ci porta in quella direzione o almeno trovare lo spazio, la porta, che ci permette di farlo anche solo per poco tempo. E’ importante. E’ quello che ci consente ogni giorno di lavorare al nostro sogno. E’ con queste abitudini che costruiamo il nostro futuro”.

Non potevo guardare gli occhi di Gaia attraverso il telefono ma sentivo la sua voce che con chiarezza e con amore mi diceva sai cosa amo della magia? Che mi relaziona con le persone. Io faccio magia per loro. Durante un’esibizione so che sono li per loro, sto donando la mia anima a persone che non conosco ma con le quali stabilisco un legame straordinario. Ecco, è questo che amo della magia. Questo è ciò che mi muove”.

La magia. Eccola qua.