Quante persone avete incontrato nella vostra vita? Breve o lunga che sia, sono certamente tantissime. Qualcuno lo avete amato, qualcuno ammirato, qualcun altro ancora vi ha fatto del male. Pensate a tutti: quelli che vi hanno fatto sorridere e quelli che vi hanno fatto scendere lacrime di dolore, quelli che vi hanno insegnato una lezione e quelli che avete deciso di allontanare. Chi c’è ancora e chi non c’è più. Tutte queste persone hanno contribuito a quello che siamo oggi. Avete mai pensato di provare gratitudine per loro?

L’esercizio di gratitudine che vi propongo è molto importante e, a tratti, impegnativo. Partiamo da questo:

Noi siamo quelli che siamo grazie alle persone che abbiamo incontrato (Click to Tweet!)

Un’affermazione forte? Lo è, in effetti. Ma è anche incredibilmente vera. Qualunque tipo di relazione ha significato qualcosa. Si, anche quella che vorreste tanto dimenticare. Anche quella che vi ha fatto soffrire. Ognuna di queste relazioni della nostra vita ci ha influenzato e ha contribuito a farci diventare quello che siamo oggi. Anche se oggi siamo completamente diversi da un tempo.

Lo stesso cambiamento arriva in un momento della nostra vita in cui, accumulate certe esperienze, decidiamo di dire basta al vecchio. In ogni caso ogni persona che abbiamo incontrato ha messo un seme dentro di noi. Chi ci ha tolto il sorriso per un po’, chi ce lo ha donato, chi ci ha detto le parole giuste, chi ci ha insultato, chi ci ha regalato opportunità e chi invece ce le ha tolte. Tutti, ma proprio tutti, hanno avuto un valore.

Prendetevi del tempo per fare vostro quanto vi ho detto. Quando siete pronti fate l’esercizio che vi propongo. Prendete carta e penna e scrivete un elenco delle persone importanti della vostra vita. Quelle che vi hanno lasciato una lezione. Quelle positive, ma anche quelle apparentemente negative da cui poi avete imparato qualcosa.

Una volta fatta questa lista leggetela e ripensate a quanto vi ha trasmesso ognuna di quelle persone. Pensate ai motivi per cui siete grati e scrivete un messaggio, una mail o una lettera a questa persona. Potete anche telefonare, ovviamente. Se sono persone che non sono più con voi rivolgete loro un pensiero. Se sono persone lontane con cui non avete più contatti usate i social media per ritrovarla.

Scrivete un messaggio semplice. Dite anche solo “grazie per quello che mi hai lasciato quando…” oppure “grazie per esserci stato quando…” o ancora “grazie per avermi detto che non ce l’avrei mai fatta” (se questo è stato un motivo per farcela!).

Scrivetemi qui sotto come è andata. Vi siete sentiti meglio? Come ha reagito quella persona?

Comincia subito il tuo viaggio nella gratitudine

Copertina3D