Categoria: ispirati

Sylvester Stallone : "dipingere é terapeutico"

Non ho ancora parlato una volta delle star di Hollywood o di personaggi famosi. Non è stata una scelta, ovviamente, ma non è mai capitata l’occasione e soprattutto la notizia veramente “good”. In questo caso invece il caro vecchio Sylvester Stallone me ne da l’occasione. L’attore ha infatti dichiarato ai media che ha ritrovato la propria serenità dopo la scomparsa del figlio avvenuta lo scorso luglio grazie alla pittura. Una notizia buona perchè offre a tutti noi la speranza di poter sostenere un grave lutto e dolore. Pennelli e colori sono stati l’aiuto di Sly ma ovviamente sono migliaia le attività che potrebbero davvero aiutarci: giardinaggio, walking, yoga, la lettura, il decoupage e chi più ne ha ne metta. “I dipinti che sto facendo in questo momento non sono troppo allegri – ha dichiarato Stallone al magazine britannico Hello! – ma c’è qualcosa di straordinario in questo processo. È molto terapeutico”. Ovviamente non è semplice nemmeno quando si trova un’attività, ma di certo aiuta. Lo stesso attore ha dichiarato che a volte crolla ma si tratta di un ciclo di alti e bassi con cui fare i conti: “è come un virus che continua a tornare. Ti torna in mente tutto e pensi ‘E’ davvero orrbile’ ma poi ne esci e realizzi che non c’è molto che tu possa fare e inizi a perdonarti”. Prendiamo quanto di buon c’è...

Read More

Tutti a Bolzano, si vive meglio!

Io a Bolzano ci sono stata e vi posso assicurare che si tratta di una delle poche città italiane in cui si respira aria di benessere, sicurezza, opportunità, rispetto e serenità. Il capoluogo dell’Alto Adige è effettivamente la città che vanta il più alto tasso di felicità dei propri cittadini siano essi emigrati dal Sud Italia, bolzanini doc o stranieri. E a dirlo non sono solo io, ovviamente, ma anche le indagini sulla Qualità della vita nelle città italiane. Non ultima quella condotta dal Sole 24 Ore in questo 2012. A Bolzano ancora il primato, come accadde nel 2010. Non che a Bolzano la crisi non si sia sentita, ma molto meno. Secondo l’Astat – l’istituto provinciale di statistica – e la Camera di commercio locale la previsione per il 2012 è di una crescita zero con una leggera ripresa nel 2013. Niente a che vedere, quindi, con la grande ripresa economica dopo la crisi del 2009, ma di certo meglio che in altre città italiane. Bolzano, infatti, ha mantenuto molti punti di forza: valore aggiunto pro capite (per cui ha guadagnato il terzo posto), basso tasso di disoccupazione (primo posto) , sofferenza sul prestito (quarto posto) e depositi bancari per abitante (undicesimo posto). Il mio consiglio è di farvi almeno un giro da turista…ne vale la pena. In questo periodo poi l’atmosfera dei Mercatini di Natale è imperdibile!...

Read More

Siate felici, guadagnerete di più

I soldi non fanno la felicità, ma di sicuro la la felicità fa i soldi. Almeno questo è quanto emerge da uno studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas) e condotto su dieci mila persone. Il risultato è la cosa che ci piace di più: chi è felice e soddisfatto guadagna più soldi. Insomma, serve essere soddisfatti del proprio lavoro e della propria vita affettiva. Entrando nel merito dei dati forniti dall’indagine, emerge che i ragazzi di età compresa tra i 16 e 18 anni e gli adulti di 22 anni con vita soddisfacente arrivavano all’età di 29 anni con un reddito già molto interessante. Dato molto significativo è che per un’adolescenza vissuta da infelici produce un’età adulta con un reddito inferiore del trenta per cento rispetto alla media. Al contrario chi racconta di anni adolescenziali felici e sereni può vantare un reddito superiore del dieci per cento rispetto alla media. Essere felici, questo deve essere il nostro primo e importante compito quotidiano. La felicità influenza il nostro futuro. Prendete nota, applicate e raccontate! Ti è piaciuto questo post? Condividilo con i tuoi amici.TwitterFacebookLinkedInGooglePinterestE-mailWhatsAppSkypeStampaTumblrMi piace:Mi piace...

Read More

Pensare positivo per vivere più a lungo

“Pensa positivo”, è il monito più comune che viene utilizzato. Lo sappiamo tutti che quando ci predisponiamo all’ottimismo tutto sembra girare meglio. Eppure, intoppi, rapporti difficili, situazioni complicate e difficoltà quotidiane ci fanno perdere la bussola. Male! Bisogna subito ritrovarla…e possibilmente imparare a non perderla. Questo vale per gli affari, gli interessi, i  rapporti interpersonali  ma anche per la salute. Lo dice anche uno studio della Emory University:  le persone che hanno un atteggiamento mentale positivo circa la propria salute, che si sentono felici e ritengono di vivere bene, hanno il sessanta per cento di probabilità in meno di morire prematuramente. La ricerca, pubblicata sull’American Journal of Public Health, ha coinvolto oltre tremila americani – di età compresa tra 25 e 74 anni all’inizio dello studio – nel corso di dieci anni (dal 1995 al 2005). I risultati sono molto interessanti: il cinquanta per cento dei partecipanti godeva di un benessere emozionale alto. Ma non pensate subito male: solo il 18 per cento di questi aveva uno stato sociale alto. Nel corso dei dieci anni il 6,3 per cento dei partecipanti è passato a miglior vita ma il dato interessante è che fra coloro che non avevano un atteggiamento mentale positivo il numero di decessi prematuro è stato di 1,62 volte maggiore. Quindi, miei cari, non ci resta che pensare positivo… Ti è piaciuto questo post? Condividilo con i...

Read More

GRATITUDINE

“Dire, Fare…Ringraziare”

Iscriviti alla newsletter per ricevere gratis l’e-book “52 Ispirazioni del Lunedì”

Il Book Club della Piumarossa

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: