• assunta@assuntacorbo.com

ispirati

Il lavoro “human” esiste. L’ho incontrato.

Ho un ricordo molto nitido di un giorno, all’Università, in cui ho immaginato per il mio futuro un lavoro “human”. La mia idea era confusa, per la verità, ma quel che sapevo è che avrei voluto lavorare con persone rispettose. Avrei voluto relazioni professionali tra persone. Si, avrei voluto tutto questo. Poi ho cominciato a lavorare. E non è andata subito cosi.

Le domande giuste per superare le sfide della vita

La vita è piena di sfide. Dalle più grandi alle più piccole. Viviamo la nostra quotidianità serenamente fino a quando ci si presenta una situazione da risolvere. E’ in quel momento che possiamo decidere se farci prendere dal panico o se, invece, attivare il giusto atteggiamento per risolvere la situazione. Una chiave interessante sono le domande.

Alberto Caspani: porto la filosofia al parco

Alberto Caspani è un amico. Un collega giornalista con cui ho avuto il piacere e la fortuna di viaggiare molte volte durante la mia “precedente” vita di giornalista di turismo. Ho dei ricordi bellissimi di momenti trascorsi insieme alla scoperta di Paesi straordinari come le Isole Cayman e il Guatemala. Alberto, una penna efficace come poche, ha sempre avuto la grande passione per la filosofia. L’ha studiata, ne ha fatto una presenza costante nella propria vita e, oggi, è riuscito a portarla all’interno del Parco di Monza. La sua storia dimostra una cosa importante: si può fare. Si può portare la filosofia al parco.

I bambini devono essere felici…

I bambini sono grandi maestri di felicità. Loro nascono puri e senza infrastrutture e limiti. Per loro è tutto molto più semplice di ciò che pensiamo noi adulti. Basta lasciarli liberi di essere ciò che sono per farne dei bambini felici. Perché, si, è cosi: “I bambini devono essere felici. Non farci felici… “, recita il titolo del piccolo ma ricco volume realizzato da Elisabetta Rossini e Elena Urso, due pedagogiste.

Sto realizzando il mio sogno.

Sto realizzando il mio sogno. Questo lo sapete. Ma come sono arrivata fino a qui? Mi piacerebbe raccontarvi i miei passi nel sogno e i 4 momenti che hanno cambiato la mia vita. Non voglio farlo per sentirmi dire “brava!”. Il mio obiettivo, come ogni cosa che trovate scritta qui, è di donarvi un’esperienza che possa farvi dire: “posso farcela anche io”. Perché è cosi. Se ci sono riuscita io e se sono in viaggio verso il mio sogno, potete farlo anche voi. Non ci sono “se” e “ma”. Solo 4 momenti per me importanti. 4 passi che ho fatto e che hanno cambiato le cose.

AppleKiss

AppleKiss: il social network che manda baci

C’è qualcosa di più human del mandare un bacio? Ok, se la gioca con l’abbraccio ma di fatto stiamo parlando di un vero contatto umano. Questo è uno dei motivi per cui AppleKiss mi ha conquistata. Il social network made in Italy manda “kiss” e accoglie “apple”.

Sognatori Pragmatici

Dreamers Day: i sognatori pragmatici possono cambiare il mondo

Che vita sarebbe senza un sogno? Un tempo credevo che essere dei sognatori significasse restare con la testa fra le nuvole. Me lo hanno fatto credere. Anzi, ho scelto di crederci per un bel po’. Poi, per fortuna, ho cambiato rotta. Quando il mio sogno si è fatto sentire con tutte le sue vibrazioni ho compreso che non potevo più metterlo a tacere. Sono passati quasi tre anni e ora eccomi qui, a vivere il mio sogno. Ora si che l’ho compreso: il mondo cambia grazie ai sognatori pragmatici. Quelli che il prossimo 18 ottobre verranno celebrati al Dreamers Day di Milano.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: