Categoria: Giornalismo Costruttivo

Torino: iniziativa per distribuire i farmaci non scaduti a chi è in difficoltà

Quello dei farmaci non scaduti che finiscono nell’immondizia è un annoso problema. Quegli stessi farmaci potrebbero essere utili a chi si trova in forti difficoltà economiche. Se poi aggiungiamo siringhe, cateteri, cerotti e pannoloni ci si rende conto dell’immenso spreco di tutto ciò. A Torino si è deciso di dire basta. Il Banco Farmaceutico e l’assessorato all’Assistenzaa del Comune stanno infatti lavorando a un protocollo condiviso che consente a chi non utilizza più farmaci di donarli a malati in difficoltà economiche. Un’iniziativa che dovrebbe fare il giro di tutta Italia e accogliere il consenso di tutti i nostri Comuni. Per non dire che dovrebbe diventare un protocollo nazionale… ma intanto ben venga l’iniziativa torinese. Grazie a questo progetto le farmacie comunali potranno raccogliere le confezioni di medicinali inutilizzati e non scaduti e potranno destinarle agli enti che si occupano di persone in difficoltà. Quegli stessi enti che ogni anno si rivolgono al Banco Farmaceutico. Da quanto si legge su LaStampa.it – dove potete anche andare a fondo sullo scandalo della Regione che non ha nemmeno risposto alla proposta fatta dieci mesi fa dal Banco Farmaceutico – il progetto coinvolgerà, in una prima fase, 100 farmacie. Il protocollo, inoltre, sarà esteso anche agli alimenti sostitutivi del pasto, ossia quelle sostanze somministrate attraverso cannule ai malati più gravi. Da sottolineare che l’iniziativa non avrà costi per il Comune che metterà a...

Read More

Nuove professioni: la family manager

Casa e lavoro, famiglia e impegni: a volte è davvero difficile conciliare il tutto. Ci sono donne che riescono a gestire il tutto senza problemi perché “devono farlo”, quelle che rinunciano a qualche momento per sé e quelle che si divertono a organizzare le giornate in base agli impegni di tutti. Per le altre, quelle che proprio non ce la fanno, arriva la family manager. Avete capito bene. La buona notizia, in realtà, è la nascita di nuove professioni. Che poi si possa essere d’accordo o meno la certezza è che chi è a caccia di un lavoro può reinventarsi. E qui non si richiede esperienza (visti i commenti preciso che si intende non esperienza nel ruolo specifico ma ovviamente servono capacità organizzative). Per alcune donne organizzare tutto il menage familiare è cosa assai complicata. Per loro Nicole Pagani, che ha creato il servizio per neo-mamme MyBabyPlan di cui si parla oggi sul sito Corriere.it, ha delineato la figura della family manager. Un vero pronto soccorso per le mamme alle prese con i primi mesi di vita dei piccoli. Questa nuova figura professionale deve avere grandi capacità organizzative e di gestione barcamenandosi tra impegni quotidiani, tempo libero, necessità dei bambini e della famiglia. A lei, infatti, il compito di programmare le attività di svago della mamma, occuparsi delle scadenze burocratiche dei bambini come vaccinazioni, ricerca asilo o baby sitter,...

Read More

Italia, puntiamo sul patrimonio naturalistico

Avrete letto tutti da qualche parte, prima o poi, che l’Italia è il Paese che vanta il più grande patrimonio artistico e culturale del mondo. Su questo dato si fondano spesso critiche al sistema turismo e si invocano interventi da parte delle istituzioni. Ma il nostro Bel Paese ha molti altri elementi di spicco di cui vantarsi. Tra questi figura il patrimonio naturalistico che vanta un’area di 34 mila chilometri quadrati distribuiti in 527 comuni e garante del 3,2% della ricchezza nazionale. Dei dati che letti cosi magari dicono poco ai non addetti ai lavori. Ma dietro si celano dinamiche molto importanti come le attività della filiera eco-sostenibile e agricola, oltre che turistica ovviamente. Il volume d’affari che proviene dalle imprese che operano in questo comparto è di 34,6 milioni di euro nel 2011. Tutela dell’ambiente e contributo all’economia, quindi, vanno a braccetto in questo caso. Se poi aggiungiamo a questi dati che oltre 30 milioni di visitatori vengono in Italia per scoprire i nostri parchi i costi sono presto fatti. Servirebbe crederci di più, sostenere queste realtà, aiutarle a crescere, promuoverle. Insomma, le carte da giocare le abbiamo. E’ la tattica che manca…come si diceva in un altro post dedicato proprio al turismo. Ti è piaciuto questo post? Condividilo con i tuoi amici.TwitterFacebookLinkedInGooglePinterestE-mailWhatsAppSkypeStampaTumblrMi piace:Mi piace...

Read More

Quando i sogni diventano realtà. La storia di Eleonora che vola a Parigi per vedere i Pooh.

I sogni possono diventare realtà, lo sapevate? Io l’ho sempre creduto anche se a volte perdo la strada per qualche frazione di giornata. Poi, però, leggo storie come quella di Eleonora e tutto torna. I sogni son desideri che possono diventare una meravigliosa realtà. Eleonora ci ha sempre creduto, tanto da realizzare il suo sogno di andare a Parigi a vedere un concerto dei Pooh, la sua grande passione musicale. Direte, cosa ci vuole? Compri il biglietto, prenoti un albergo, acquisti il volo low cost e via. Già, ma Eleonora da quando era bambina vive su una sedia a rotelle e questo complica le cose seppur non rende impossibili i sogni. La vita per Eleonora non è semplice, ma i sogni vivono anche per lei. Magari le appaiono più grandi ancora, più impossibili, più improbabili. Ma la meraviglia della vita è proprio questa: ti dimostra che nulla lo è. Certo, bisogna crederci. Questa è la parola chiave. Credeteci e chi vi sta accanto potrebbe decidere di aiutarvi a realizzare il vostro sogno. E’ accaduto proprio cosi alla cara Eleonora. Il suo amico Nicola Palmarini ascolta la sua storia e decide di aiutarla. Dà un nome al progetto – “La Strada verso Olympia” – e lo pubblica su un sito di crowdfunding. L’idea è quella di realizzare il desiderio di Eleonora girando al tempo stesso un documentario che possa testimoniare...

Read More

Sos Bambini cerca volontari per il Summer Camp

Fare le vacanze ad agosto per molti è diventato impossibile. Prezzi più alti e giorni di ferie affollatissimi tanto da non riuscire a prendersi i “fatidici 15 giorni a cavallo di Ferragosto” non rendono le cose più semplici. L’alternativa? Seguire un progetto che fa bene alla nostra anima, aiuta i banbini provenienti da un orfanotrofio rumeno e ci fa tornare a casa con la splendida sensazione di aver regalato dei sorrisi. Un’esperienza meravigliosa a più livelli. Io vi do un’idea: il Summer Camp di Sos Bambini di Menaggio, sul Lago di Como. Dal 7 agosto al 7 settembre venti bambini provenienti da orfanotrofi rumeni, che Sos Bambini aiuta dal 2004, saranno in Italia per un Summer Camp che si svolgerà a Menaggio. Per loro è un mese di vacanza e la necessità di trovare un sorriso ad accoglierli ogni giorno è davvero importante. E questo sorriso potrebbe essere il vostro. In particolare Sos Bambini cerca animatori, sportivi e non disponbili a trascorrere almeno due settimane – minimo una – per fare da supporto nella conduzione dei workshop e affiancamento dei ragazzi nelle attività quotidiane. Viene richiesta esperienza pregressa di volontariato, preferibilmente con minori, campi estivi o intrattenimento. L’associazione offre vitto e alloggio, mentre sono a carico del volontario le spese di trasferimento, l’assicurazione e l’adesione all’associazione. Una cosa è certa: sarà un’estate diversa, intensa, appassionata. I bambini sapranno donarvi...

Read More

GRATITUDINE

“Dire, Fare…Ringraziare”

Iscriviti alla newsletter per ricevere gratis l’e-book “52 Ispirazioni del Lunedì”

Il Book Club della Piumarossa

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: