• assunta@assuntacorbo.com

Giornalismo Costruttivo

Buone notizie: i miti da sfatare

Che tutti abbiamo bisogno di coltivare la speranza, il benessere e lo sguardo verso un futuro migliore è un’evidenza. Che le notizie positive possano aiutarci in questo è spesso messo in discussione. La percezione è che le notizie positive siano di poca rilevanza, che siano leggere (come se la leggerezza fosse un difetto peraltro!) che siano fini a se stesse. Per lo più si crede che siano notizie raccontate da buonisti, da persone che vivono un po’ sopra le nuvole e molto distanti dalla realtà.

Per aiutare chi è in difficoltà avete mai pensato alla pizza sospesa

pizzasospesaQuanto mi piacciono le iniziative di sostegno a chi è in difficoltà che nascono dal basso. Oggi parliamo di pizza, di aiuto e di creatività solidale. Avete presente il caffè sospeso? E’ una tradizione napoletana secondo la quale una persona beve un caffè e ne paga due per i clienti successivi. Immaginate la stessa cosa fatta con la pizza. Succede a Foggia e precisamente alla pizzeria Passo d’Orta a Orta Nova.

Portobello, il nuovo supermercato solidale di Modena

featured-image
Portobello è il nuovo supermercato solidale di Modena. I social market – o people market come amano chiamarli nel Regno Unito – sono ormai una realtà consolidata anche in Italia. Questo potrebbe non essere una buona notizia ma invece lo è. Perchè è bello sapere che si possono prendere iniziative di questo genere e ancor di più lo è sapere che qualcuno si impegna davvero a realizzarle. Quindi, ben vengano i supermercati solidali.

Hunter Halder: da consulente a dispensatore di cibo ai poveri

lisbonarefoodTorno a voi per raccontarvi una storia bellissima accaduta in quel di Lisbona. Il protagonista è Hunter Halder, consulente in risorse umane che ha perso il lavoro due anni fa. Oggi è il fondatore del progetto Re-Food, organizzazione senza scopo di lucro che ogni giorno offre da mangiare a oltre trecento persone. Tutto è partito con un vestito di Babbo Natale e una bicicletta. Oggi è il progetto che potrebbe trasformare Lisbona nella prima capitale senza persone che soffrono la fame entro il 2014. Non solo, la città portoghese potrebbe essere la prima senza dispersione alimentare.

A tutto cielo: il primo agriasilo d’Italia apre nel milanese

agriasilo
Andare a cavallo, raccogliere frutta e poi mangiarla, piantare i semi, prendersi cura degli animali. A cosa vi fanno pensare queste attività? Di certo non a un asilo. E invece è cosi. A San Giuliano Milanese, in provincia di Milano, aprirà a settembre il primo agriasilo d’Italia. Altrochè aule chiuse piene di giochi e un’ora – o poco più – di aria al giorno. Un modo totalmente diverso per far vivere ai vostri bambini delle esperienze a diretto contatto con la terra.

Torino: iniziativa per distribuire i farmaci non scaduti a chi è in difficoltà

banco-farmaceuticoQuello dei farmaci non scaduti che finiscono nell’immondizia è un annoso problema. Quegli stessi farmaci potrebbero essere utili a chi si trova in forti difficoltà economiche. Se poi aggiungiamo siringhe, cateteri, cerotti e pannoloni ci si rende conto dell’immenso spreco di tutto ciò. A Torino si è deciso di dire basta. Il Banco Farmaceutico e l’assessorato all’Assistenzaa del Comune stanno infatti lavorando a un protocollo condiviso che consente a chi non utilizza più farmaci di donarli a malati in difficoltà economiche.

Nuove professioni: la family manager

mumCasa e lavoro, famiglia e impegni: a volte è davvero difficile conciliare il tutto. Ci sono donne che riescono a gestire il tutto senza problemi perché “devono farlo”, quelle che rinunciano a qualche momento per sé e quelle che si divertono a organizzare le giornate in base agli impegni di tutti. Per le altre, quelle che proprio non ce la fanno, arriva la family manager. Avete capito bene. La buona notizia, in realtà, è la nascita di nuove professioni. Che poi si possa essere d’accordo o meno la certezza è che chi è a caccia di un lavoro può reinventarsi. E qui non si richiede esperienza (visti i commenti preciso che si intende non esperienza nel ruolo specifico ma ovviamente servono capacità organizzative).

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: