libriSin da piccolo essere venuto al mondo ho sempre dedicato ai libri molto spazio del mio tempo libero. A due anni mettevo in fila i pupazzi sul divano e leggevo loro delle storie. Tanto per farvi capire. Va da sé che per me diventa impossibile rinunciare alla lettura…ergo…approvo la book therapy.

Leggere fa bene, non c’è ombra di dubbio ma ora sono anche gli esperti a dirlo. Non ci sente soli, si ricaricano le batterie, si dimenticano gli impegni, si riduce lo stress e si rallenta. Insomma, vale la pena concedersi qualche coccola letteraria. Che sia la sera prima di addormentarsi, nel weekend, in vacanza, in viaggio su treno o aereo. Scegliete voi il momento ma leggete. Io per esempio non riesco ad addormentarmi se non ho letto almeno qualche pagina di un libro. Di qualunque tipologia esso sia mi serve come bolla di rilassamento prima di lasciarmi andare tra le braccia di Morfeo.

Ora, che si chiami piacere della lettura o book therapy, poco cambia a mio avviso. La cosa importante è lasciarsi andare alle parole, alle immagini e alle sensazioni che solo un libro sa regalare. Secondo il recente studio condotto da Liberiamo con interviste a 110 psicologi, sociologie professori universitari andrebbero letti romanzi di avventura, rosa e di fantasia. In questo modo si starebbe meglio. Posso essere d’accordo anche se non sono esattamente il mio genere.

Io leggo di tutto. Ogni tanto mi lascio travolgere dai grandi classici a cui mi dedico sempre volentieri trovandoli spesso anche molto attuali, altre volte mi concedo letture più contemporanee come le ultime uscite. Quanto ai generi spazio davvero molto. Leggo per passione, per curiosità, per crescere, per informarmi, per conoscere, per scoprire…io ho bisogno di leggere sempre!

In questo momento sul mio comodino c’è un manuale di PNL… non proprio una passeggiata lo so, ma in questo periodo mi sono fatta prendere da questa disciplina e sto cercando di capirne sempre di più. Ve ne parlerò presto…