• assunta@assuntacorbo.com

Author Archive assunta

Esercizio di gratitudine: essere grati a se stessi

 

Siete perfezionisti incalliti che non sono mai contenti di quello che fanno? Sottovalutate quello che riuscite a fare? Avete l’autostima a livello meno zero? Allora questo esercizio di gratitudine è perfetto per voi. Non solo. Credo che sia un esercizio che tutti dovremmo fare quotidianamente. Io lo faccio da quando ho cominciato #imiei21giorni. Tra i rituali, era previsto anche un diario in cui scrivere le cose che accadevano durante la giornata.

Aiuto chi resta indietro, ma non chiamatemi Angelo Invisibile

 

Passeggiando per la vostra città incontrate persone in difficoltà all’angolo di una strada. Vi è mai venuto in mente di fermarvi e chiedere a queste persone di raccontarvi la loro storia? E di allungare una mano per sostenerle? Lui si, lui lo fa. Lo chiamano Angelo Invisibile di Milano ma non ama questo nome. Ho avuto il grande pregio di scambiare con lui qualche mail per l’articolo che ho scritto su Donna Moderna (numero 31 se volete recuperarlo) dedicato ai benefattori anonimi. In quella occasione ho scritto di persone che hanno ricevuto aiuti silenziosi e preziosi. Oggi, però, vorrei raccontarvi del libro “L’Angelo Invisibile” scritto proprio da lui: l’uomo che ha scelto di aiutare concretamente chi resta indietro.

Esercizio di gratitudine: le influenze degli altri sono importanti

Quante persone avete incontrato nella vostra vita? Breve o lunga che sia, sono certamente tantissime. Qualcuno lo avete amato, qualcuno ammirato, qualcun altro ancora vi ha fatto del male. Pensate a tutti: quelli che vi hanno fatto sorridere e quelli che vi hanno fatto scendere lacrime di dolore, quelli che vi hanno insegnato una lezione e quelli che avete deciso di allontanare. Chi c’è ancora e chi non c’è più. Tutte queste persone hanno contribuito a quello che siamo oggi. Avete mai pensato di provare gratitudine per loro?

Bepuppy.com: il social network dei cani

 

Ve la immaginate una chat piena di messaggi d’amore tra due barboncini? Divertente vero? È la prima immagine che mi è venuta in mente pensando a BePuppy.com. Ho immaginato le zampette sulla tastiera e gli occhi languidi dell’amore davanti allo schermo. Ok, la fantasia galoppa ma l’idea mi piaceva molto. E poi perché no?

Il coach: Roberta Liguori. Il coraggio di tornare a sognare.

L’ho conosciuta e poi ho letto la sua storia. Lei è Roberta Liguori, energica mental coach allenata alla felicità. La sua storia è raccontata in “Perché io sogno forte”. Vi potete leggere tutta la determinazione di una donna che è riuscita a sconfiggere il cancro. Un libro? No, non lo definirei solo cosi. E’ molto di più. E’ una vera esperienza che lascia il segno. Una di quelle che quando finisce ti manca ma che subito dopo metti nel cassetto delle belle emozioni. Pagina dopo pagina, mano per mano a Roberta, si compie un percorso incredibile dentro la propria vita e il proprio io. Certo, bisogna essere disposti a farlo, direte voi. Ed è vero. Ma garantisco che allo stile e alle parole utilizzate da Roberta viene molto difficile resistere.

#imiei21giorni: grazie a Robin Sharma

Sono già finiti? #imiei21giorni sono volati amici cari. E con loro un pezzo della vecchia me. Si, perché io mi sento profondamente cambiata dopo questo breve ma intenso percorso. Oggi compio 41 anni e non vorrei essere diversa da quello che sono. Voglio essere cosi, come sono oggi. Sono grata per tutto quello che ho, per i dolori che ho vissuto, per le emozioni che ho provato, per le gioie che mi hanno riempito le giornate, per quello che ho lasciato andare perché era giusto cosi e per quello che ho trattenuto con tutta me stessa. Perché senza tutto questo non sarei quella che sono oggi.

Mindfulness Bell: un’app per tornare al qui e ora

Stare nel presente. Quante volte ve lo siete sentiti dire? E quante volte lo avete letto anche su questo blog? Mantenere la consapevolezza del qui e ora non è cosa semplice quando siamo assillati da mille faccende. A meno che non si scarichi sul proprio smartphone o tablet un’app mindfulness bell. Provate a immaginare la scena.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: