• assunta@assuntacorbo.com

Author Archive assunta

Liberati dal concetto di fortuna

Me la ricordo ancora quella volta in cui osservando una persona che conosco e che ha sempre avuto successo, un mio amico ha sottolineato “eh, già. E’ proprio fortunato”. Questo è come dire “io sono sfortunato” e, soprattutto, è come giustificare il nostro insuccesso o le nostre difficoltà sminuendo il successo altrui. Il concetto di fortuna è molto pericoloso.

Lettera di gratitudine: perché scriverla?

Mi ricordo ancora la prima volta che ho scritto una lettera di gratitudine. Ero alla mia scrivania con la mia penna tra le mani e un foglio bianco pronto ad accogliere i miei pensieri. La sensazione è stata quella di essere pronta a incartare un dono. Si, un dono. A me stessa perché ero nella consapevolezza che la persona che avrebbe ricevuto quella lettera aveva fatto la differenza nella mia vita. Ma non pensavo affatto che quel dono lo stavo facendo anche al destinatario.

Ho guardato il Ted di Monica Lewinsky e …

Mi sono immaginata a 24 anni. E mi sono portata dietro l’immagine di questa me per tutto il tempo in cui ho guardato (e riguardato) il Ted di Monica Lewinsky. Ha toccato delle corde profonde e mi ha portata a immaginare empaticamente cosa possa essere stata la vita di questa ragazza poi diventata donna dal 1998 in poi.

La felicità : la stai cercando nel posto giusto?

La felicità : la stai cercando nel posto giusto? Questa domanda l’ho colta per strada qualche giorno fa. Due amiche stavano chiacchierando tra loro e probabilmente il tema era proprio la ricerca di uno stato di benessere. Mentre continuavo a camminare ho lasciato che la mia mente accogliesse ispirazioni. Mi è cosi tornata in mente la formula elaborata da Sonja Lyubomirsky: 50-10-40%.

Quale attività puoi fare in modo differente?

Uscire dagli schemi è forse la cosa che ci viene più difficile fare. Eppure è anche ciò che ci da maggiori soddisfazioni. Quando usciamo dagli schemi, dalla nostra zona di confort cosi ben arredata, riusciamo a scoprire che “si può fare anche in un altro modo”. Ma la cosa fantastica è un’altra: ciò che facciamo diventa più potente, più forte. E’ cosi che si gettano i semi del cambiamento, della possibilità, della nuova visione delle cose.

Buone notizie: i miti da sfatare

Che tutti abbiamo bisogno di coltivare la speranza, il benessere e lo sguardo verso un futuro migliore è un’evidenza. Che le notizie positive possano aiutarci in questo è spesso messo in discussione. La percezione è che le notizie positive siano di poca rilevanza, che siano leggere (come se la leggerezza fosse un difetto peraltro!) che siano fini a se stesse. Per lo più si crede che siano notizie raccontate da buonisti, da persone che vivono un po’ sopra le nuvole e molto distanti dalla realtà.

Una gentilezza pazzesca

“Scusate, non vorrei disturbare, chiedo scusa, ma vi prego di rispettare la nostra cultura, non vorrei essere scortese, vi chiedo solo di rispettare l’abbigliamento, per favore indossate maglie più lunghe.”
Sapevamo che noi donne ci saremmo dovute coprire: velo, maglia maniche lunghe e maglie larghe cosi da coprire le forme fino al ginocchio. Aveva ragione, la maglia non era abbastanza lunga.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: