• assunta@assuntacorbo.com

Author Archive assunta

Nuove abitudini per una quotidianità più consapevole

La nostra vita è fatta di abitudini. Provate solo un attimo a pensare a come si svolge la vostra quotidianità: il rito della colazione, le solite azioni al mattino, la strada verso il lavoro sempre uguale, il caffè e il pranzo durante il giorno, il rientro a casa, la palestra alle 19, un film dopo cena quando non si esce. E’ tutta una routine. E guai a modificarla, sembra quasi che possa mancarci la terra sotto i piedi. Per quanti anni procediamo in questo modo? Tanti. Eppure basterebbero nuove abitudini per farci vivere una quotidianità più consapevole, per farci conoscere davvero la nostra vita e ciò che ci sta intorno.

La gratitudine mi ha cambiato la vita

La gratitudine ha il potere di farci realizzare chi siamo, cosa abbiamo raggiunto e quello che la vita ci dona. L’ho scoperto quando ho iniziato il mio viaggio nella consapevolezza e ne sono sempre più convinta.

Solo quando mi sono fermata a pensare a quello che nella vita avevo ho potuto comprendere anche dove stavo andando.

E’ stato allora che ho iniziato il mio percorso di cambiamento che mi ha portato a rivoluzionare me stessa. Sono cambiate tante cose da quel giorno di 3 anni fa. E oggi posso davvero dire grazie alla gratitudine perchè ha reso la mia vita speciale.

L’augurio che posso farvi è che possa accadere anche a voi.


Comincia subito il tuo viaggio nella gratitudine

Copertina3D

 

Buoni propositi 2016: una sola parola

Ogni anno questi sono i giorni in cui la nostra mente è un frullatore di buoni propositi per l’anno nuovo. Siamo tutti presi dalla pianificazione degli obiettivi. Ma poi? Cosa accade dopo qualche tempo? La maggior parte di questi traguardi decade e la nostra vita riprende ai ritmi dell’anno precedente. Non è sempre cosi, ma è spesso cosi. E, badate bene, non sto dicendo che non vale la pena occuparsi dei buoni propositi o pensare alle nuove abitudini per il nuovo anno. Vorrei solo dirvi che potremmo diventare più concreti con qualche piccola variazione sul mood di questi giorni. Vi racconto cosa ho imparato.

5 consigli per un Buon Natale!

Arrivato…il Natale è qui. Atteso da molti, criticato da altri. Io appartengo alla prima categoria. A me piace: le lucine, l’atmosfera, le giornate in famiglia, i sapori, i messaggi di auguri. Insomma, perchè non dovrebbe piacermi? Troppa frenesia? Ma mica ci viene imposta, la generiamo noi! In fondo i regali potremmo farli mesi prima oppure non farli materiali come consigliavo in un altro post. Quanto allo stress di stare in famiglia che molti accusano…che dire… io non lo trovo stressante. Per chi è come me e per chi invece è cinico in merito a questa festa, ecco cinque consigli per vivere al meglio questa giornata. Ecco cominciamo da qui: Buon Natale!

Ritrovare la felicità giorno dopo giorno

I libri sono degli straordinari compagni di viaggio. Io credo fortemente nel potere della parola, e in particolare di quella scritta. Quando leggiamo le pagine di un libro un messaggio entra dentro di noi, ci modifica. Possiamo ignorarlo, ma non possiamo opporci. Accade sempre ma ci sono libri a cui diamo il permesso di entrare nella nostra vita più che ad altri. “One, 365 giorni insieme” di Enrico Gamba è tra questi. E’ un volume che aiuta a ritrovare la felicità.

Natale: ha un senso o è solo una festa obbligata?

Dallo scorso weekend siamo ufficialmente entrati nel periodo natalizio. Nelle case sono stati allestiti i presepi e gli alberi di Natale, i mercatini in giro per l’Italia e l’Europa hanno accolto tanti visitatori, le città sono piene di luci colorate. E’ festa. Ma quanto ci sentiamo obbligati a partecipare e quanto, invece, questi giorni assumono significato per noi? E’ una riflessione che faccio da alcuni giorni.

Perché ho scritto un libro sulla gratitudine.


La vita ci offre tanti momenti di crescita. Spesso bellissimi, a volte dolorosi, altre volte semplicemente decisivi. Se 3 anni fa avessi pensato di essere come sono oggi non ci avrei creduto. Io cosi insicura, con un’autostima bassa, poco tempo per me stessa e in balia del giudizio altrui. Io cosi poco consapevole di quel che la vita mi aveva donato. Fra pochi giorni esce il mio libro “Dire, Fare…Ringraziare” e questo è un ottimo momento per fare un bilancio. Anzi, il momento del bilancio è iniziato quando ho cominciato a pensare a questo libro. Quando ho realizzato che ciò che volevo donare della mia esperienza poteva essere riassunto con una parola: gratitudine.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: